Libri @ Caffè
Tisana fresca in estate per non perdere i gusti e i piaceri dell'inverno

Tisana fresca in estate per non perdere i gusti e i piaceri dell’inverno

Arriva la primavera e la temperatura inizia a salire, con l’estate si raggiunge l’apice del forno e cambiano le abitudini.

Si dice addio alle varie bevande che ci hanno accompagnato durante l’inverno, principalmente perché sono calde e quindi il solo pensiero ci fa inorridire e sentire il calore crescere.

Abbiamo già parlato del caffè freddo lampo, una soluzione rapida per non perdere il gusto di un buon caffè anche se fa caldo.

Ora vediamo come le bevande calde possano essere una valida compagnia anche durante i periodi estivi e le alte temperature.

Che orrore la tisana calda

A dire il vero le tisane calde sono un ottimo dissetante anche nei periodi torridi, la loro temperatura non glaciale evita di impattare in spiacevoli reazioni intestinali o in congestioni spesso causate da bevande troppo freddo bevute senza i dovuti accorgimenti.

Inoltre la bevanda calda fornisce la sua massima capacità dissetante anche nei periodi torridi, non per niente sono molte diffuse in diverse località equatoriali e desertiche.

In ogni caso nulla ci vieta di assaporare una tisana nella sua versione estiva, ovvero a bassa temperatura, senza abbandonare il piacere del suo sapere che ci ha allietati per tutto il periodo invernale.

Quando si parla di tea freddo spesso si pensa al problema della calcolosi renale, associata alla presenza del ossalato di calcio contenuto in questa bevanda, lo studio americano non precisa comunque che l’impiego di tea freddo nel paese è decisamente superiore rispetto a quello europeo.

Il sale contenuto nel tea ha una concentrazione inferiore rispetto a quello presente in una comune razione di spinaci, ai quali non rinuncerò mai.

Nel caso del tea verde e del tea nero ci troviamo di fronte a bevande che tra le loro caratteristiche hanno la prevenzione della formazione di calcoli, sempre che siano infusi e non preparati industriali.

Quando si beve del tea, o comunque delle tisane, bisogna sempre ricordare che esiste un dosaggio massimo giornaliero anche per queste bevande.  Se si soffre di ipertensione o di insonnia è bene limitarsi nel consumo, in particolare se abbiamo a che fare con miscele di tea verde o tea nero, con alti contenuti di teina.

Per quanto si pensi di poterne bere in quantità illimitata è il caso di tenersi al di sotto delle quattro tazze da 40 cl al giorno.

Che bello, la tisana fredda

Molte tisane e melange di tea, ma a chi piace anche i tea puri, possono essere consumate fredde, acquistando per particolari miscele dei gusti e dei profumi nuovi, comunque diversi dalla versione a caldo.

Per la preparazione di una bevanda fredda si sconsiglia la sua preparazione classica a caldo e poi il raffreddamento nel frigorifero, il periodo trascorso in questa operazione determina la perdita di ossigeno e la conseguente perdita degli aromi, oltre che di diverse peculiarità della miscela.

Possiamo in linea di massima impiegare due distinte strategie per la preparazione, ovvero attraverso infusione a freddo o con raffreddamento rapido.

  • Per l’infusione a freddo mischiamo il prodotto all’acqua, meglio se con basso residuo fisso, e riponiamo la bottiglia chiusa o il contenitore coperto in frigorifero per tutta la notte, quindi filtriamo il tutto e beviamo. Con questo mezzo qualsiasi tisana darà sempre il suo massimo sia da un punto di vista “terapeutico” sia per quanto riguarda il gusto.
  • Il raffreddamento rapido passa dalla preparazione classica della tisana a caldo, prima di bere l’infuso bollente lo si ripone in uno shaker con ghiaccio e si agita fino al completo scioglimento del ghiaccio, per compensare la presenza di acqua aggiuntiva si può preparare un infuso leggermente più carico. La bevanda fredda deve essere consumata a breve, sempre a causa della perdita di gusto determinata dalla perdita di ossigeno.

Nel caso di tea ricorrenti è anche possibile preparare dei cubetti di ghiaccio con un infuso precedentemente ottenuto, questo permette di non diluire il gusto del tea durate il raffreddamento.

In entrambi i casi è meglio addolcire gli infusi prima di consumarli.

Anche se è estate il tutto può essere sempre accompagnato da qualche biscotto.

 

Buon refrigerio!

 

Un buon calice di vino per aprire l'aperitivo

Un buon calice di vino per aprire l'aperitivo

Una pausa con uno spuntino dolce o salato, come tu preferisci

Una pausa con uno spuntino dolce o salato, come tu preferisci

Eventi
Iscrizione alla newsletter

Seleziona lista (o più di una):



Trattamento dei dati

La colazione che preferisci quando la preferisci

La colazione che preferisci quando la preferisci

Goloso è che non rimanda a domani quello che può mangiare oggi, in particolare se è buono e light

Goloso è che non rimanda a domani quello che può mangiare oggi, in particolare se è buono e light

Un dolce esperienza dei sensi in modo light

Un dolce esperienza dei sensi in modo light