Libri @ Caffè

La birra in cucina

Correva l’anno 1378 quando la birra fece la sua comparsa in una guida di cucina inglese dedicata ai cuochi delle case nobili e altolocate, da allora molta birra e stata versata nei boccali e il suo accostamento nella cucina è andato scemando.

Finalmente questa bevanda dal grande passato ha negli anni recenti ritrovato il suo posto tra gli ingredienti della cucina, lasciando nei piatti le sue peculiarità aromatiche, come le note floreali; fruttate e speziate delle birre ale o il gusto predominante di malto e luppolo delle birre lagger.

La birra nelle ricette

Possiamo trovarla impiegata nella preparazione di impasti salati per la panificazione in sostituzione dell’acqua; nella preparazione della pastella; nella preparazione di soffritti; nella preparazione di piatti di carne o verdure in sostituzione del vino. In realtà la possiamo trovare in ogni preparazione a cui si vuole dare un gusto particolare con l’abbinamento di una birra particolare, non dimentichiamo le molteplici varietà di birre.
La varietà di aromi e profumi delle birre esistenti potrebbero permettere di preparare ogni giorno il medesimo piatto, ma con un gusto diverso al palato e una sfumatura di colore particolare in base al tipo di birra scelto.

Con un po’ di creatività e spirito di iniziativa le birre possono anche primeggiare nella preparazione di un piatto, ad esempio sfumate con carne o pesce; come riduzione di una salsa per aromatizzarne il gusto; l’uso della Guiness nella preparazione degli spaghetti è un abbinamento storico insieme al bacon, oppure associata alla classica carbonara.

Il suo matrimonio non è solo con i primi o i secondi piatti, ma può manifestarsi anche in un sodalizio nella preparazione dei dolci, come ingrediente di accompagnamento o primario.

La birra a tavola

Bere sempre con moderazioneLe abitudini sociali e di vita si portano a pensare alla birra come una bevanda da accostare a tavola con una pizza, ma nulla può essere più sbagliato di questo pensiero, come il vederla solo come la bibita estiva da bere sotto l’ombrellone.

Senza essere uno chef e quindi dedicarsi alla preparazione di piatti in cucina, un primo passo può essere quello di accostare in tavola una birra artigianale a delle pietanze, magari con dello stinco, delle ostriche o dei formaggi.

Possiamo poi pensare a delle birre delicate e profumate come le blanche o le weizen abbinate a piatti a loro volta delicati, mentre alle intense birre di abbazia o trappiste possiamo accostare le carni rosse alla griglia, selvaggina e arrosti.

E per chi è vegano?

Per chi è vegano la birra può essere una possibilità, ma diventa necessario prestare attenzione al metodo di lavorazione, infatti nella produzione industriale viene talvolta usato un derivato del pesce come schiarente e riduttore dei residui del lievito.

La birra pensa anche ai celiaci

Gluten freeUna nota importante deve essere rivolta alla produzione di birre dal gusto pregiato e nel contempo prive di glutine, quindi adatte alla consumazione da parte di persone affette da celiachia, anche se il loro gusto le rende ottime per chiunque. Tra queste birre ne esistono molte di produzione artigianale.

 

 

 

Vi aspettiamo per condividere le vostre esperienze di cucina

Un buon calice di vino per aprire l'aperitivo

Un buon calice di vino per aprire l'aperitivo

Una pausa con uno spuntino dolce o salato, come tu preferisci

Una pausa con uno spuntino dolce o salato, come tu preferisci

Eventi
Iscrizione alla newsletter

Seleziona lista (o più di una):



Trattamento dei dati

La colazione che preferisci quando la preferisci

La colazione che preferisci quando la preferisci

Goloso è che non rimanda a domani quello che può mangiare oggi, in particolare se è buono e light

Goloso è che non rimanda a domani quello che può mangiare oggi, in particolare se è buono e light

Un dolce esperienza dei sensi in modo light

Un dolce esperienza dei sensi in modo light